Con 12 spettacoli, di cui 2 prime assolute e una prima piemontese, ospitati in comuni per 17 giorni di programmazione, con più di 20 ospiti e un originale percorso teatrale tra boschi e parchi, prende il via la XXIV edizione di ISAO Festival (Il sacro attraverso l’ordinario), che con il linguaggio del teatro e della musica indaga gli intrecci tra il metafisico e il materiale. In programmada sabato 16 settembre a domenica 12 novembre 2017 in Piemonte (Pinerolo, Torino, Ivrea, Orbassano, Cumiana, Almese, Chivasso) e Valle d’Aosta (Donnas) il festival, ideato da Il Mutamento Zona Castalia con Pop Economix e Mulino Ad Arte, è diretto dal regista e drammaturgo Giordano V. Amato.Propone inoltre workshop per bambini e famiglie a Racconigi (Cn) e al rifugio Geat nel parco naturale Orsiera Rocciavrè a San Giorio di Susa (To), diretti dall’attrice Eliana Cantone.

Il cartellone 2017 ruota attorno al tema del paradiso inteso in un’accezione laica e spirituale (ma non religiosa), come dimensione di benessere, di qualità della vita, di costruzione condivisa di un futuro migliore. Il tema del paradiso conclude il percorso triennale Alla ricerca della felicità, iniziato nelle precedenti due edizioni del festival, dedicato alla crisi come possibilità di trasformazione e alle cantiche dantesche, esempio massimo di trasformazione attraverso la poesia. Questa tensione verso un possibile futuro migliore ha spinto l’attenzione del festival verso i bambini, ai quali sono dedicati alcuni eventi e con cui è stato realizzato lo spettacolo, in prima assoluta al festival, A noi vivi! Il Paradiso (coproduzione di Il Mutamento Zona Castalia e Progetto Cantoregi, inserita nel programma di Torino Spiritualità).

«L’edizione 2017 di ISAO Festival – sottolinea il direttore artistico Giordano V. Amato –  si configura come progetto territoriale a fronte di una maggiore diffusione sul regionale ed extraregionale. Siamo partiti tre anni fa dall’“inferno quotidiano” della crisi economica, esistenziale e di valori che attraversa l’attuale civiltà, per dirigerci verso un possibile “paradiso” fatto di utopie e nuove visioni. Abbiamo gustato il viaggio. Forse non realizzeremo il paradiso, ma ne scorgeremo l’accecante bagliore, potremo assaporarne per un momento il gusto, potremo incessantemente “tendere verso”. Come fanno naturalmente i bambini. Tendere verso la realizzazione del benessere di sé e degli altri, verso la realizzazione di se stessi, verso l’Essere».

ISAO Festival, che si distingue per le ospitalità d’eccellenza, italiane e internazionali, affiancate dalle produzioni delle associazioni promotrici e da compagnie emergenti, propone prime assolute e piemontesi e diverse attività collaterali. Tra gli ospiti e gli spettacoli più attesi: Simone Cristicchi (Pinerolo), il musicista indiano Vishwa Mohan (Torino) e le prime assolute Uova toste (Mulino Ad Arte) e A noi vivi! Il Paradiso (Il Mutamento Zona Castalia e Progetto Cantoregi) a Torino.

Palco principale degli appuntamenti è il suggestivo ex cimitero torinese San Pietro in Vincoli a Torino al quale si affiancano i teatri, alcuni storici, alcuni di recente costruzione, di altre città.

Ecco alcuni ospiti e spettacoli in programma.

Simone Cristicchi con Il secondo Figlio di Dio riporta alla luce una storia intrisa di utopia e spiritualità, quella di David Lazzaretti, il mistico ed eretico cristiano, padre del movimentogiurisdavidico ispirato agli ideali di giustizia e solidarietà. In un monologo che dà voce ai vari personaggi – moglie, figli, soldati, proseliti, prete del paese – sottolinea così le componenti religiose e politiche del predicatore (ore 20.45, sabato 16 settembre, Teatro Sociale di Pinerolo).

Nato a Jaipur nel Rajasthan (India), Vishwa Mohan Bhatt è il virtuoso musicista inventore della mohan vînâ, strumento rivoluzionario a metà tra la chitarra e il sitar, con il quale ha catturato l’attenzione internazionale. Vincitore del Grammy Award Miglior album di world music 1993, esponente tra i più apprezzati e noti della musica classica indiana, è eccezionalmente in concerto al festival accompagnato da Nihar Mehta alle tabla (ore 20.45, martedì 10 ottobre, Torino, Teatro Astra).

La compagnia Mulino Ad Arte mette in scena la prima assoluta della nuova produzione Uova Toste, che affronta il tema dei disturbi alimentari infantili (anoressia, obesità, cattiva alimentazione dei ragazzi) e suggerisce come sia dovere degli adulti correggere le abitudini e gli stili di vita sbagliati dei più piccoli (ore 20.45, sabato 23 settembre, Torino, Teatro Astra).

Altra prima assoluta è A noi vivi! Il Paradiso, coproduzione di Il Mutamento Zona Castalia e Progetto Cantoregi, spettacolo con bambini, che evoca la possibilità di un paradiso, ovvero di una dimensione futura di benessere che parte da se stessi per diffondersi agli altri o viceversa. Attraverso giochi, coreografie, suoni, musiche, performance circensi e momenti attoriali si dipanano le due storie dello spettacolo, tratte dall’antichità, per indicare che la costruzione di un mondo migliore può essere affidata ai più piccoli o agli adulti in grado di tornare al proprio spirito bambino (domenica 24 settembre, Torino, Teatro Astra; sabato 7 ottobre, Orbassano; domenica 8 ottobre, Cumiana; domenica 5 novembre, Almese; mercoledì 8 novembre, Donnas – AO; domenica 12 novembre, Chivasso).

Anteprima torinese per lo spettacolo Blue Revolution di Pop Economix, che racconta – in un linguaggio vibrante, ironico, appassionato – come il nostro mondo sia quasi vicino al collasso e ci sia bisogno di una nuova alleanza tra uomo e ambiente per salvarlo, come insegna l’economia circolare (ore 20.45, mercoledì 27 settembre, Torino, ex cimitero San Pietro in Vincoli; venerdì 6 ottobre, Ivrea).

Simone Cristicchi a Pinerolo

 

 

 

 

16 settembre 2017 – ore 21.00

TEATRO SOCIALE DI PINEROLO Piazza Vittorio Veneto 24

Anteprima della stagione 2017/2018

ISAO “Il Sacro attraverso l’ordinario”

Il Secondo Figlio di Dio

di e con SIMONE CRISTICCHI

 Oggi soprannominato il “Cristo dell’Amiata”, David Lazzaretti nacque ad Arcidosso nel 1834. Figlio di un barrocciaio, secondogenito di cinque fratelli, affrontò la prima parte della sua vita confuso da visioni enigmatiche relative al suo futuro. Fu proprio uno di questi strani sogni a suggerirgli di recarsi a Roma per incontrare il Papa, possibilità che però gli venne negata.

Frustrato dal mancato colloquio col Pontefice, David si convertì ad una vita di penitenza e solitudine, effettuando numerosi ritiri spirituali, tra cui quello sull’Isola di Montecristo. Qui fondò diversi istituti di impronta monastica e sociale – come La Santa Lega e Fratellanza Cristiana – scatenando dure reazioni che sfociarono in poco tempo nell’arresto per frode.

Prosciolto dopo alcuni mesi, il profeta di Arcidosso fece ritorno alla propria terra d’origine, dove radicalizzò ulteriormente il proprio pensiero, fino a fondare la “Società delle Famiglie Cristiane”, esperimento collettivistico che gli procurò una nuova condanna per vagabondaggio e cospirazione politica, dalla quale venne tuttavia assolto a seguito del processo d’appello. Provato dalle continue accuse a suo carico, nel 1875 Lazzaretti si trasferì con tutta la famiglia in Francia, ospite del magistrato francese Leone du Vachat. Nel 1877 sottopose al vaglio del Vaticano le sue “Regole dell’Ordine Crocifero dello Spirito Santo”, ricevendo l’ennesimo rifiuto e venendo persino giudicato eretico dalla Commissione del Sant’Uffizio, che agli inizi del 1878 mise all’indice ogni suo scritto.

David decise dunque di rifugiarsi in Francia, ma solo per un breve periodo: nel luglio dello stesso anno, infatti, apparve nuovamente tra la gente di Monte Labbro, acclamato da un’ampissima folla. Il 18 agosto, con i fedeli seguaci alle spalle, il “Cristo dell’Amiata” dette vita ad un’imponente processione verso i santuari di Arcidosso e Casteldipiano, mete che non fu in grado di raggiungere. La cerimonia venne interrotta bruscamente dagli uomini della forza pubblica, che spararono indistintamente sulla folla colpendo a morte quattro persone, tra cui l’indomabile condottiero.

La storia di David insegna che tutti abbiamo un destino, un sogno in cui credere, e, costi quel che costi, bisogna seguirlo fino in fondo

Biglietto intero € 20 / ridotto € 15

Informazioni Info – Città di Pinerolo Ufficio Cultura Turismo e Manifestazioni

Tel. 0121/361271 – 0121/361273 – 0121/361274

 

 

INVIACI I TUOI VIDEO

VUOI FAR PARTE DEL FLASH MOB CREATO APPOSTA PER RIUNIRCI TUTTI IN TOTALE DIVERTIMENTO? INVIA IL TUO BREVE VIDEO A info@pinerolwebradio.it

REGISTRALO IN TOTALE AUTONOMIA SULLA CANZONE DI BRUNO MARS “HAPPY” E VERRA’ MONTATO INSIEME A TUTTI GLI ALTRI… A FINE SETTEMBRE VERRA’ MESSO IN ONDA….

 

ecco un video gia’ realizzato con il brano originale dove potrai prendere spunto

NEWS

GF MTB La Comba Oscura

 

Torre Pellice (TO) – 16 Luglio 2017

 

Domenica 16 Luglio 2017 si è svolta a Torre Pellice la settima edizione della Gran Fondo MTB “La Comba Oscura” organizzata dal sodalizio Brike Bike di Bricherasio TO.La gara ha avuto come trionfatore Edoardo Bonetto del team Eliios RS Suntour, che dopo una lunga rimonta ha preceduto Jacopo Billy del Team Giant-Liv e Alessio Zamuner del Team Rive Rosse.In campo femminile vince Claudia Peretti del Vittoria-Lepontia Racing Team, davanti a Chiara Novelli del Team Trescore e Olivia Marchisio del Brike Bike.La Val Pellice ha accolto con una bella giornata di sole i 500 iscritti alla sesta tappa della Coppa Piemonte MTB e seconda prova del Gran Torino MTB. Erano presenti atleti provenienti da tutto il nord ovest con diversi liguri e lombardi in griglia, ma erano purtroppo anche assenti molti degli atleti Elite e anche alcuni master per i concomitanti campionati italiani marathon in Trentino. Nonostante tutto il parterre dei pretendenti alla vittoria era di alto livello: il leader di Coppa Piemonte MTB Marco Rebagliati del team Wilier Triestina, il Team UCI Pro Elios RS Suntour con i fratelli Bonetto e il neozelandese Jack Compton, Jacopo Billi del Team Giant-Liv, Gioele De Cosmo del Trek Selle San Marco oltre a molti outsider locali.

Partenza alle 10.00 in punto. Primi km con la carovana che affronta compatta la salita di Angrogna, ma appena si entra nel bosco si forma un gruppo composto da Billi, Rebagliati, i fratelli Bonetto, Barazzuol, Clerici e Zamuner. In cima ai 1500 m del Colle della Vaccera Billi transita con quasi 1 minuto di vantaggio su Edoardo Bonetto e Rebagliati.

Nel tratto che porta al Rifugio Sap Rebagliati fora ed è fuori dai giochi per la vittoria. Ne approfittano Billi e Edoardo Bonetto che affrontano insieme l’ultima salita al Rifugio Barfè. Sono gli ultimi km a decretare il vincitore; E. Bonetto sfrutta le sue doti tecniche in discesa e si invola da solo verso il traguardo. Billi anche attardato da un piccolo problema tecnico al cambio giunge secondo dopo circa 20 secondi. Terzo staccato Alessio Zamuner precede la coppia del Team Sixs Boscaro Clerici e Barazzuol (primo Master).

In campo femminile, l’assenza delle dominatrici della Coppa Piemonte MTB permette alla giovane Claudia Peretti di cogliere la sua prima vittoria in una Gran Fondo anche se ha dovuto soffrire fino ialla fine per gestire la rimonta di Chiara Novelli. Terza leggermente più staccata arriva Olivia Marchisio.

 

Tutta la logistica, partenza e arrivo sono state organizzate in collaborazione con la Pro Loco di Torre Pellice negli ampi spazi dell’ex palazzetto del ghiaccio Filatoio, dove si sono svolte le iscrizioni, il ritiro dei pettorali, il pasta party e le premiazioni finali.

 

Da segnalare l’evento sperimentale e-Comba che l’organizzazione del Brike Bike ha organizzato il sabato precedente alla gara. In collaborazione con eBike Perucca by Pronello e Agriturismo Servin, decine di eBikers si sono dati appuntamento al colle della Vaccera per una passeggiata con le loro eBike sulle tracce della Comba Oscura. Al colle c’era ad aspettarli una ricca merenda!

 

 

 “Si è svolta Domenica 4 Giugno presso la sede del PROMOBOXE BOXING TEAM la quarta tappa del campionato piemontese di boxe a squadre.
Campionato che è interamente gestito ed organizzato dall’associazione sportiva pinerolese PROMOBOXE in collaborazione con la
Federazione pugilistica italiana.
L’ edizione 2017 conta sulla partecipazione di 17 associazioni pugilistiche da tutto il Piemonte per un totale di 72 atleti iscritti.
Dopo lo svolgimento della competizione, risulta in testa saldamente la BOXE ILIO BARONI, che è la piu’ antica palestra del Torinese e che ha sfornato nei decenni fior fior di campioni.
Seconda classificata momentaneamente la BOXE NICOTRA, compagine sportiva del Maestro ROSARIO NICOTRA, che ha sede ad Alessandria.
La squadra pinerolese PROMOBOXE dei maestri Stefano Cappadonna e Giorgio Terranova è attualmente in terza posizione grazie alle 3 vittorie consecutive della giovane promessa di Cumiana NICHOLAS TOPPINO.

 

La finale di questa seconda edizione del campionato si terrà il 9 LUGLIO presso la stessa location.
Per la finale è prevista (salvo impegni federali) la presenza del presidente del Comitato regionale GIANNI DI LEO che si occuperà di premiare le 3 squadre sul podio.
Tutto il campionato è seguito e trasmesso in diretta da PINEROL WEB RADIO dei bravissimi ANDREA MAIELLO e ALBERTO STERI che hanno creato con il PROMOBOXE BOXING TEAM una collaborazione mediatica e sportiva tutta pinerolese, volta all’ esaltazione dei valori sportivi da un lato ed alla valorizzazione del territorio dall’altro”.

 

 

 

 

 

 

Finalmente estate! L’Assietta Legend si prepara ad una grande edizione 2017

Mancano 30 giorni alla competizione mountainbike più alta d’Europa SESTRIERE – Le temperature estive di questi giorni sono il preludio migliore per l’Assietta Legend del 2 Luglio a Sestriere, la cittadina più alta d’Italia dove si sono consumate pagine epiche del grande ciclismo di tutti i tempi #SestriereBikeLa neve che ha imbiancato le cime dell’alta Valle di Susa e Chisone sta velocemente lasciando spazio alla vegetazione estiva anche in alta quota, lassù a 2.750 mt. s.l.m. di Cima Ciantiplagna dove scollineranno gli atleti dell’Assietta Legend #AssiettaLegend #LaCompetizioneMTBpiuAltaEuropaLa macchina organizzativa si è messa in moto per preparare il percorso di gara con l’obiettivo di renderlo perfetto per i bikers che si misureranno sulle montagne Olimpiche.

 

 

 

 

          INCONTRI DEL GEMELLAGGIO A LUSERNA S.G.

 36° Festa Internazionale dello Sport, la 26° insieme agli amici di Prievidza, la 21° del Gemellaggio ufficiale con il Comune di Luserna San Giovanni: questi i numeri dell’edizione 2017   che quest’anno l’Amministrazione comunale ha voluto festeggiare insieme a Savine Le Lac giunti al 20° anniversario.

Le delegazioni ufficiali guidate dal Vice Sindaco di Prievida Lubos Maxina e dall’Assessore allo Sport Ing. Branislav Bucàk e di Savine Le Lac con il Presidente del Comitato di gemellaggio Monsieur Jean Pier Giraud sono state ricevute nella Sala consigliare dal Sindaco Duilio Canale e dall’Assessora referente Marina Bertin insieme all’intera giunta e da Pier Giorgio Ghibò firmatario di entrambi i gemellaggi nel 1995 e 1996.

E’ stato un week end molto intenso dal punto di vista sportivo per gli oltre 40 atleti della Repubblica Slovacca e culturale-ricreativo per il gruppo di Savine Le Lac ospite del Centro Incontro Anziani “ Leopoldo Dezzani”.

La visita verrà corrisposta a Prievidza ad inizio settembre in occasione della Festa dei Minatori.

 

 

 

 

 

 

 

LA GIUNTA ASSEGNA LO STADIO ALLO SPORTING

Con comunicazione del 26 maggio la Città di Pinerolo ha formalizzato allo Sporting Club Pinerolo l’assegnazione dello Stadio Olimpico di Pinerolo dopo la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale che invitava la Giunta Comunale a riformulare i punteggi per l’impianto dando parziale ragione al ricorso dell’H.C. Valpellice.

Sono stati necessari sei mesi per arrivare ad una parziale soluzione e consentire il funzionamento dell’impianto dopo che la delibera dello scorso 1 agosto indicava allo Sporting di proseguire provvisoriamente il processo gestionale per le sole attività ordinarie.

La delibera ha visto decadere le tesi iniziali della stessa Giunta di mancata chiarezza previsti dal bando di assegnazione in merito agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e la rideterminazione di contributo al termine dei lavori mirati al contenimento dei costi energetici. Entrambi i punti erano chiaramente indicati ed esaustivi nella lettera di invito ed evidenziati in modo altrettanto palese nell’istanza gestionale di gara.

La delibera premia dal punto di vista qualitativo il progetto dello Sporting a scapito di H.C. Valpellice e soddisfa maggiormente l’interesse pubblico alla promozione sportiva ed alla tutela del patrimonio comunale.

Appare bizzarra e sarà oggetto di approfondimenti da parte dell’ufficio legale che tutela gli interessi societari la durata dell’affidamento a soli tre anni, di uno ormai passato,  con cui l’Amministrazione Comunale” valuta preminente l’interesse pubblico ad addivenire, al termine dell’affidamento disposto con il presente atto, ad una gestione integrata dell’impianto sportivo pinerolese con altri impianti sportivi analoghi per caratteristiche, dimensioni e criticità gestionali siti nei comuni del pinerolese, nello specifico nel Comune di Torre Pellice – sede anch’esso delle Olimpiadi invernali del 2006 – al fine di creare sinergie positive in termini sportivi e di utilizzo ottimale degli impianti per tutto il territorio”.